Benvenuti nel mio mondo fatto di fili. Il lavoro è arduo, ma ogni tanto cercherò di scrivere qualcosa. Vi consiglio di leggere tutti i miei passaggi così da tenervi informati. Se volete commentare fate pure. L'importante è che ci sia sempre un nome per distinguervi e che siate corretti.


Per la Policy dei Cookie cliccate qui

giovedì 19 settembre 2013

46) L'essenza della vita

Il ragno rimase sorpreso dalla richiesta del fior di loto.
Tessere? E che cosa?
Lui sapeva solamente tessere la sua ragnatela. Sarebbe andata bene per il fior di loto?
Ancora intimidito dalla magnificenza del fiore, il piccolo animale balbettava.
-Io, io, veramente...- Il ragno non riusciva a parlare.
- Cosa c'è?- chiese sorridendo il fior di loto.
- Io so fare solamente una cosa.- rispose il ragno.
- Ah, ma... Lo so benissimo ed è questo quello che chiedo. Ti sto chiedendo quello che tu sai fare. Ti sto chiedendo di tessere una ragnatela che mi possa avvolgere.-
- Perché?- chiese il ragno sorpreso.
- Perché sono incinta e ho bisogno di te.-
- Incinta?!-
Il ragno era ancora più sorpreso e il fior di loto continuava, con la sua solita calma, a parlare.
- La luna ha voluto affidarmi un piccolo seme. E' diverso dagli altri. Appartiene a questa Terra e non solo e io sono preoccupata.-
Per la prima volta, il fior di loto si mostrava impensierita.
- Io - continuava il fior di loto - non ho potuto dire di no e adesso sento che non posso più tenerlo. Deve nascere. Ora! Ho bisogno della tua ragnatela.-
La richiesta supplicante del fior di loto rese forte il ragno e questa forza gli fece tessere la migliore ragnatela che lui avesse mai fatto.
Il piccolo seme aveva bisogno di una culla che rimanesse sospesa perché così doveva nascere.

Sospesa.











"Ehi bambina, ti sei persa?"
...
"Come ti chiami?"
"Zoe."


1 commento:

Romina Tamerici ha detto...

Benarrivata Zoe!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...